Aperò : Aperitivo in Francese con Wendy

Presentazione

del Corso di Francese

giovedì 7

Dicembre 2017 ore 19:00

Bonjour tout le monde!

Bonjour! Je m’appelle Wendy, originaire de Nantes mais sicilienne d’adoption, j’ai beaucoup voyagé depuis mes 20 ans mais c’est finalement Syracuse qui a fait chavirer mon coeur. Je suis tombée sous le charme lors d’un voyage dans le sud de l’Italie il y a 3 ans et j’ai décidé d’y rester.

Avec Biblios, je vous propose des rencontres ludiques pour vous introduire au français, sous la forme de jeux de rôle, de discussions et autres ateliers. J’aime aussi cuisiner et je serais ravie de vous faire découvrir quelques unes de nos spécialités tout en apprenant!

J’espère vous voir nombreux et vous rencontrer pour un premier apéro afin de connaître vos attentes et d’entendre vos suggestions.

À bientôt!

SE TI FOSSE DIFFICILE COMPRENDERE QUELLO CHE HO SCRITTO TI CONVIENE PARTECIPARE AL CORSO :)

Mi chiamo Wendy, sono nata a Nantes però sono Siracusana d’adozione. Ho vissuto in parecchi posti all’estero però mi sono innamorata della Sicilia e di Siracusa in particolo mentre facevo un viaggio nel Sud Italia. E quindi ci sono rimasta

Insieme al Biblios vi propongo di fare dei incontri ludici in francese tramite giochi di ruolo, conversazioni ed altri laboratori. Mi piace anche cucinare e sarei molto felice di farvi scoprire alcune delle nostre specialità mentre pratichiamo!

Spero vedervi numerosi e incontrarvi per un primo “apéro” per conoscervi, capire le vostre aspettative e sentire le vostre suggestioni.

À bientôt!

Biblios Cafè vi introduce nel mondo della lingua francese. A farlò sarà Wendy Mesnard,insegnante madrelingua francese. Incontri ludici in francese tramite giochi di ruolo, conversazioni ed altri laboratori.

Ogni incontro durerà circa due ore

POSTI LIMITATI !!

“L’apéro “, corso di francese + aperitivo in lingua al Biblios Cafè

Biblios Cafè vi introduce nel mondo della lingua francese. A farlò sarà Wendy Mesnard, insegnante madrelingua francese. Incontri ludici in francese tramite giochi di ruolo, conversazioni ed altri laboratori. Wendy adora anche cucinare e, tra una chiacchera ed un laboratorio, si parlarà anche del buon cibo francese.

Ogni incontro durerà due ore, una di lezione e una di conversazione. Il costo delle due ore è 15 euro a persona.

Venerdì 20 Ottobre: 3 anni di Biblios cafè + presentazione Suq. Magazine

Venerdì 20 Ottobre v’invitiamo a festeggiare con noi il compleanno di Biblios Cafè. 3 anni di incontri, laboratori, idee e presentazioni. Venerdì sarà anche l’occasione di presentare una nuova realtà editoriale, tutta siciliana. Saranno con noi i ragazzi di “Suq. Magazine”.

 Suq. Magazine” è la Sicilia, quella mai raccontata. Suq è una rivista indipendente nata da chi della Sicilia ha sentito prima di tutto la nostalgia. 160 pagine da sfogliare e da collezionare. Quella che trovi frugando tra ciò che conosci e ciò che non sai ancora. Che sia a pochi o a molti chilometri da te non importa perché ciò che conta davvero è lo sguardo, quello senza distanze capace di afferrare lo sconosciuto”.

Appuntamento al Biblios Cafè, ore 18.30. Ingresso libero

biblios cafè

 All’apparenza Suq può sembrare solo una rivista. In realtà le sue pagine rivelano di più.

Suq è infatti una startup nata in Sicilia da un gruppo di creativi e viaggiatori che un giorno ha deciso di iniziare a esplorare il patrimonio non-convenzionale dell’isola. Un patrimonio fatto di luoghi, persone, aziende, arti e simboli attualmente nascosti. Un patrimonio fatto di tutto ciò che si può toccare, ma anche di tutto quello che si può solo sentire quando ci si mette in contatto con i propri sensi.

Dietro le sue pagine Suq è anche una destination brand che vuole individuare, valorizzare e rendere fruibile una Sicilia sconosciuta che si rivela solo a chi ha la pazienza di aspettare. Magari semplicemente attraverso la lettura di qualche pezzo della rivista o magari con un viaggio ricercato e alternativo per vivere l’esperienza di una terra che si traveste da isola quando in realtà è un intero continente.

E Suq, è, ancora, uno store di prodotti dalla bellezza timida e discreta. Suq quindi è trasformazione e disinibizione, ricerca, ma anche stanchezza, euforia e poi noia. Corsa e stasi, respiro affannato e apnea. Possibilità di immaginare a mani aperte per scavare nel profondo e poi raccogliere ciò che ancora neanche noi conosciamo e sappiamo di trovare.

Quindi solo all’apparenza Suq può sembrare una rivista, perché in realtà è fotografia, racconto, sentimento, viaggio, nostalgia, desiderio e bellezza, quella di una cultura nuova e di un nuovo modo di vedere e vivere la Sicilia. Per far sì che tutto quello che Suq può essere lo sia per davvero e tutto quello che della Sicilia ancora si sconosce, venga conosciuto.

22448187_1331871996939719_3421255379503686749_n

 http://suqmagazine.com/

22528473_1335942543199331_4044026201067250494_n

10 Ottobre: Darinka Montico al Biblios Cafè

Un tour nazionale, che farà tappa a Siracusa. Mondo Nauta di Darinka Montico arriva al Biblios Cafè. Appuntamento martedì 10 Ottobre per assistere alla presentazione del libro che racconta un vortice ritmato di avventure, umanità, geopolitica e rock and roll.

Darinka dopo un sentito tradimento, parte per un’avventura epica che da Vientiane la spingerà fino alla Scandinavia, attraversando tutta l’Asia centrale da sola via terra. L’incontro con gli uiguri oppressi dal regime nello Xinjiang, i passaggi in autostop ridiscendendo la catena himalayana evitando per un soffio una guerra civile per rifugiarsi con una famiglia di nomadi chirghisi nelle loro Yurta tra le vette innevate sono tutte esperienze fotografate attraverso la penna della scrittrice che con ironia e schiettezza fa del lettore un vero e proprio compagno di viaggio.

22154644_1321785257948393_7218202231301542618_n

Mondonauta è un reportage di viaggio talmente surreale che trascende da quella che è la semplice letteratura di viaggio arrivando a sfiorare lo status di romanzo, È un opera di viaggio “on the road” senza filtrii che strizza palesemente l’occhio alla beat generation affrontando tematiche quali il sesso, la droga e ovviamente la strada. Il viaggio si fa terapia e il mondo tempio nel viaggio dei viaggi alla scoperta dei continenti ma soprattutto dell‘animo umano.

Viaggiare per dimenticare spesso porta a riempire il vuoto di memorie meravigliose che annullano il dolore e che ci riportano a galla per essere di nuovo liberi, leggeri e ritrovarci di nuovo sulla strada giusta.

Martedì 10 Ottobre, ore 18.30. Ingresso libero

12036674_10156010586245125_5372071004865740674_n

Venerdì 29 Settembre: Biblios cafè incontra Paola Cadelli autrice de “L’ultimo Concerto”

Tornano gli incontri con gli autori al Biblios Cafè. Ripartiamo Venerdì 29 Settembre con la scrittrice Paola Cadelli. Ci parlerà del suo romanzo “L’ultimo Concerto”. L’incontro sarà introdotto dalla scrittrice Maria Lucia Riccioli.

Un testo che muove le fila tra realtà e fantasia. Colonna sonora delle storie dei personaggi, sono le note di Chopin e il rock dei Muse, in un ambientazione tra il fantasy e il noir. Edito da “L’asino d’Oro” racconta la storia di Jeanne, una pianista francese che vive a New York, una donna ribelle e trasgressiva, dotata di una capacità artistica che va al di là del semplice talento musicale, e Leonardo, un medico italiano eccentrico e visionario, dedito più a indagare i meccanismi della coscienza che del corpo umano?

I due pur incontrandosi solo in quattro occasioni, rimarranno legati in maniera intensa, misteriosa e viscerale. A scandire il ritmo degli avvenimenti, in particolare, le note del Preludio n. 4 op. 28 di Chopin, che come una maledizione si abbatte su Jeanne e la sua famiglia, e i battiti del cuore, dal cui ascolto Leonardo percepisce i pensieri e le emozioni.

Alla loro storia si intrecceranno altre storie: quella di Monique e François, due ragazzi francesi in fuga dai loro genitori, di Matilde e János, scultori di statue di sabbia, di Adam, produttore musicale newyorchese, e di Amal, l’unica persona che Jean ne ha veramente amato. Sarà proprio per un atto d’amore che Jeanne, con il suo ultimo concerto, sconfiggerà la crudeltà di chi voleva fare di quel preludio uno strumento di violenza e di sopraffazione nella certezza che se qualcosa ci salverà, nel mondo, sarà la musica.

L'ultimo concerto

PAOLA CADELLI nasce ad Aviano nel 1962. Si laurea in medicina e chirurgia a Padova dove consegue, successivamente, la specializzazione in cardiologia. Attualmente vive a Pordenone e lavora come medico. È autrice di due romanzi: Gli amanti di vetro (2012) e Il silenzio delle parole (2014).

image

dicono del romanzo

1

Il_Gazzettino_Cadelli_17.02.2017-page-001

4 Agosto: Сonstructive Writing Class / Biblios Cafè

17309442_403208183386420_2683767151188537291_n

Join us for a Writing Workshop in Biblios Cafe, Ortigia!

Constructive Writing Class designed for working travellers, businessmen, aspiring writers and anyone wanting to try something new!
Limited number of places, sign up early!

Why you need it:
Very often, success depends on WHAT other people see in your message. Learn to express your ideas clear and natural so people couldn’t resist!
Make your writing process easier and start enjoying it more!

Explanations will be done in English then you will write in your mother tongue.

Time and venue
Friday, 4th August at 19.00 in Ortigia, Via del Consiglio Reginale, 11
Welcome!

About Anna Мiroshnichenko, teacher
Published writer and a writing coach.

Welcome!

price: Euro 30
Telephone bookings at 093161627 (after 5 pm)

20293073_469124223461482_3011054302994972872_n

II mercato di Ortigia al Biblios Cafè. Presentazione “Lische di Pesce”. Venerdì 30 Giugno

II mercato di Ortigia al Biblios Cafè. L’occasione è data dall’aperitivo di presentazione del libro “Lische di Pesce”, che raccoglie interviste, aneddoti e ricette provenienti dalla storia dei protagonisti del mercato siracusano.

Venerdì 30 Giugno, alle 19.30 al Biblios Cafè, saranno con noi l’autrice e alcuni dei protagonisti che, ogni giorno, animano di colori e sapori il Mercato. Già confermata la presenza di Andrea Borderi, fondatore di Caseificio Borderi che porterà con se, oltre che la sua irrefrenabile carica, anche alcune delle selezioni dei formaggi prodotti dal caseificio, da gustare durante la presentazione.

L’ingresso è libero. Biblios cafè è in via del Consiglio Reginale 11, nell’Isola di Ortigia – Siracusa

venerdì 30 Giugnoore 19.30

Lische di Pesce. Fenomenologia del mercato di Ortigia

di Maria Cristina Picciolini. Sampognaro e Pupi edizioni.  Siracusa.

Conoscere Siracusa è anche conoscere l’anima del suo storico mercato, fatta di aneddoti di quegli stessi “personaggi” che ogni giorno con il loro lavoro conducono uno degli “spettacoli” più belli e veri della tradizione siciliana. Grazie ad una grafica colorata e accattivante, il lettore può leggere in italiano e in inglese le storie raccontate, può usare il ricettario rilasciato e soffermarsi a riflettere sui concetti di bellezza, tempo, socialità che dalle parole e dal viaggio dell’autrice prendono forma.

18740304_10203202220054231_1118238627955738807_n

Maria Cristina Picciolini, pittrice, illustratrice e scrittrice, nasce nel Sud della Toscana e si forma all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Dopo gli studi ha insegnato disegno e pittura presso la Freie Accademy di Monaco di Baviera. Dal 2015 ha scelto di vivere a Siracusa. È sposata e ha tre figli: Gaia, Allegra e Luca. Ha pubblicato nel 2012 come illustratrice, con lo scrittore Alberto Pellai, Distanze edito da Erickson, Trento. Autrice nel 2014 con il libro Mare Magnum. (40 storie di vita e di Arte fuori e dentro l’Italia). Autrice nel 2016 di una raccolta di 45 poesie dal titolo, La vita che a me guarda e ancora mi ispira. Autrice nel 2016 del saggio Generazione Futura edito da Omnia One Group edizioni. Autrice nel 2017 del saggio Lische di pesce. Fenomenologia del mercato di Ortigia, edito da Sampognaro &Pupi di Siracusa. Collabora con una rivista italo-tedesco “Interventi” di Monaco di Baviera e con “Notabilis” di Siracusa.

17884162_1542811552403958_6857842871711143416_n

 

“Il teatro dei sogni dipinti” – Workshop d’illustrazione.

“Il teatro dei sogni dipinti” è un workshop d’Illustrazione. Sarà condotto da Daniela Piazza. Appuntamento il 7 Giugno

Al Biblios Cafè faremo un viaggio che lega il mondo delle immagini con quello delle parole, in un mondo surreale ma allo stesso modo legato al figurativo e al riconoscibile. Il workshop creativo fornisce un’esperienza che parte da un’idea e si concretizza con un piccolo elaborato grafico ispirato ad un brano o ad un racconto .

L’attività permette di acquisire tecniche e competenze partendo dal disegno, fino alla caratterizzazione dei personaggi e la cura del proprio stile espressivo.

illustr 8

Workshop di presentazione: mercoledi 7 dalle 18:30 alle 20:30.

costo: euro 20, incluso aperitivo e materiali

informazioni e prenotazioni: info@biblioscafè.it – 0931 61627

illust 8

 

illustr 6

Venerdì 19 Maggio: “Il doppio Svantaggio” presentazione del libro di Maria Concetta Civello

Venerdì 19 Maggio, alle 18.30 Biblios Cafè incontra Maria Concetta Civello. Ci  parlerà del suo libro “Il doppio Svantaggio – la sfida dell’accoglienza e dell’esclusività” . Con noi il relatore prof. Vincenzo Filetti.

L’emergenza immigrazione pone numerose e delicate questioni. Una di queste è senz’altro la preparazione adeguata ai bisogni di chi porta con sé non solo il peso dello sradicamento e della povertà, ma anche quello della disabilità. La pedagogia interculturale, di cui in questo saggio si fa portavoce Maria Concetta Civello, ha provato e prova a fornire risposte agli operatori, in particolare scolastici, che ogni giorno si confrontano con culture diverse, operarando per l’inclusività: e ciò significa non solo rispettare l’altro, indirizzarlo nella scelta degli obiettivi da raggiungere, comprendere come metterlo nelle condizioni più idonee per poter realizzare il proprio progetto di vita, ma anche rendere migliore l’intera società, che dall’esclusione del “diverso”, dell’“anormale”, dell’ “estraneo” riceve danni tali da determinare l’involuzione e il regresso.

Un popolo misura la sua civiltà dalla capacità di elargire uguali diritti a tutte le persone: più la persona è rispettata e accettata nella sua diversità più viene praticata l’universalità dei diritti di cittadinanza e quindi la possibilità dell’inclusione in una società democratica. Ma ancor prima di formulare nuove leggi che diano ma che soprattutto assicurino diritti, bisogna lavorare sulle coscienze umane, essere stimolati ad apprendere, conoscere e capire un’altra realtà diversa dalla propria, fino ad amarla, rinnovando radicalmente il fulcro della morale.”

Civello_WEB

 

Maria Concetta Civello è nata e vive a Rosolini (SR) e ha trascorso la sua infanzia e i primi anni dell’adolescenza a Borgo Ticino (NO). Laureata in Scienze dell’Educazione e della Formazione, è stata impiegata presso l’USP di Rosolini dove ha svolto mansioni di accoglienza e informazione. Vincitrice di diversi concorsi a cattedra, nel 2007 ha lasciato l’impiego amministrativo per dedicarsi all’insegnamento nella scuola primaria.

PREFAZIONE di Luca Raimondi

La ricerca di Maria Concetta Civello segue la storia della diversità a partire dai processi culturali, antropologici e linguistici che hanno cercato adeguamenti nel tempo (pensiamo a quanti termini sono stati via via utilizzati per definire la stessa condizione: handicap, disabilità, diversabilità, etc.), passando quindi in rassegna i repertori morali dell’umanità e dei loro immaginari sociali, fino al sempre provvisorio, ma intanto lieto, fine: l’idea preponderante è infatti oggi quello della diversità come valore e non come esclusione. Quest’idea è alla base della cosiddetta “pedagogia interculturale”, nel cui ambito di studi questo saggio può essere facilmente inquadrato. Una “pedagogia dell’essere” – secondo un’interessante definizione di Luigi Secco – al centro della quale è posto il soggetto nella propria interezza, a prescindere dalla cultura di provenienza. Per quanto certamente importante per la strutturazione dell’individuo, la cultura non porta con sé responsabilità specifiche. “La persona viene prima dell’individuo” scrive Secco in “Pedagogia interculturale: concetti e problemi”. Ed è alle persone e alla loro realtà che giunge rapidamente la Civello: il suo è un libro umanissimo, emotivamente partecipato e coinvolgente, che poco sembra concedere alla freddezza burocratica delle catalogazioni, dei numeri, delle statistiche, insomma, della “scienza”. Per quanto la pedagogia già dalla metà del XIX secolo cominciò a riconoscere una propria identità scientifica (tant’è che già da anni si è imposta la definizione di “scienza dell’educazione”), la pedagogia è, e rimane, una “scienza umana” in cui la sua componente predittiva, proiettata al futuro, all’essere che sarà (lo scopo è infatti portare l’essere a un certo livello), non può e non deve disgiungersi dalla piena comprensione e accettazione dell’essere per quello che è stato e che è.

A tante belle definizioni come quella suddetta di Luigi Secco e a tante elaborate teorie non corrisponde però sempre una pratica adeguata a risolvere i gravi stati di disagio derivanti dall’incontro-scontro tra culture. Tra il dire e il fare, è davvero il caso di dire, c’è quindi di mezzo il mare, nello specifico il Mediterraneo e i barconi di migranti che porta con sé. L’emergenza sociale, i contrasti ideologici, religiosi, politici, interferiscono con il dialogo costruttivo e con la solidarietà tra culture ed etnie. Il pregiudizio, l’incapacità di generare empatia, l’ignoranza, partoriscono una dolorosa pioggia acida di sentimenti di separazione, esclusione, distacco. E il tutto raddoppia la sua portata allorquando si parla (e non se ne parla abbastanza) degli immigrati disabili, “pesi morti” per qualunque economia.

Qual è attualmente la nostra disponibilità all’accoglienza? Gli immigrati sono per noi soltanto numeri. Nella migliore delle ipotesi, persone da salvaguardare nei loro bisogni primari. Esiste attualmente una nostra reale disponibilità a instaurare verso di loro empatia, entrare dentro i meccanismi psicologici delle loro difficoltà? Quando la Civello analizza le difficoltà di un bambino che vive le mappe mentali e affettive dei diversi attori del sistema familiare modificato, cosa che ha ovviamente un impatto molto forte sul vissuto stesso del bambino disabile che accompagna i genitori in questa avventura umana, ecco, ma quanti finora sono riusciti davvero a entrare in empatia con le difficoltà di questa gente e dei loro bambini? Non riusciamo a relativizzare la nostra identità, ma ce ne facciamo forti, rifiutando le immagini scomode e problematiche che ci inviano gli Altri, tanto più se hanno un surplus di diversità. Quello proposto dalla Civello è soprattutto un allarme rivolto al mondo dell’istruzione, a cui l’autrice appartiene: “Non ci sono né strumenti didattici specifici pensati per questi bambini, né figure su misura per loro. In più la scuola vive un momento di grossa difficoltà. Le risorse necessarie potrebbero essere: più ore di sostegno, maggiore presenza dei mediatori culturali, ma anche semplificazioni burocratiche sulla diagnosi e sulla certificazione di disabilità; oppure un altro modo di affrontare tutto questo potrebbe essere quello di collocare il problema all’interno della logica dei bisogni educativi speciali (BES). Siamo davanti a una “richiesta di aiuto speciale” che non rientra in una etichetta diagnostica e quindi non riconosciuta legislativamente.”

Il lavoro della Civello vuole essere solo un’introduzione al problema, o meglio, un chiaro invito ad affrontarlo con tutti i nostri mezzi scientifici, filosofici, logici ma anche pratici. Ed è soprattutto un invito alla tolleranza, alla fratellanza e all’accoglienza, rafforzato dalle storie vere poste in appendice.

Incontro con Carlo Sala scenografo e costumista delle Rappresentazioni Classiche 2017. Venerdì ore 21.30 al Biblios Cafè

CARLO-SALA-660x330

Venerdì 5 Maggio al Biblios Cafè incontreremo Carlo Sala, scenografo e costumista.  Quest’ anno per il 53 Ciclo di Rappresentazioni Classiche al Teatro Greco di Siracusa curerà  le scenografie e i costumi per le tragedie dei “Sette contro Tebe” da Eschilo per la regia di Marco Baliani, e di “Fenicie” da Euripide per la regia di Valerio Binasco.

Ci parlerà dei suoi allestimenti qui a Siracusa, e a Milano dove ha firmato spetacoli frutto di una collaborazione pluriventennale con il Teatro dell’ Elfo, come la trilogia tratta da Fassbinder, di cui “Rifiuti, la citta e la morte” e “La Bottega del Caffè “;   il trittico da Muller ” Riva abbandonata”, “Materiale per Medea”, “Paesaggio con argonauti “;  e lo spettacolo cult del “95, ancora ripreso nel 2014,  “Lola che dilati la camicia”, prosa autobiografica di Adalgisa Conti, rinchiusa nel 1913  per 65 anni nel Manicomio di Arezzo, un urlo senza voce di munchiana memoria, che segna anche l’ inizio di una proficua collaborazione tra Carlo e il regista Baliani

Appuntamento alle 21.30. L’ingresso è libero.

Biblios Cafè è in Ortigia, in via del Consiglio Reginale 11.

Per i dettagli sul lavoro di Carlo Sala per il 53 Ciclo di Rappresentazioni Classiche, vai al sito dell’INDA

 

Foto credit INDA

Via del Consiglio Reginale 11
info@biblioscafe.it
0931 61627
Aperto tutti i giorni, dalle 16 alle 22. Chiuso il martedì.

©2017 Biblios Cafè. Via del Consiglio Reginale 11, Siracusa 96100